Fai spazio in casa e utilizza arredi utili

Fai spazio in casa. Un elenco di arredi utili e di tendenza nel 2018

Fai spazio e rendi la tua casa più utile

Passate le feste via che si riparte per un nuovo anno dove ti troverai certamente divisa tra casa e lavoro. Correre da una parte all’altra senza avere ben chiaro dove vuoi andare o vivere gli spazi come ostacoli alla tua attività non va bene, bisogna fare tutto, certo, ma con ordine pensando a ciò che può esserti utile nella vita di tutti i giorni.

Quindi dopo aver scelto l’agenda, il calendario o il planner settimanale che più ti rappresenta, (il mio planner è quello di Mr Wonderful) e questa scelta è d’obbligo :) passiamo alla casa e scopriamo quali arredi possono aiutarti a recuperare spazio e quali riescono a valorizzare gli spazi rendendoli funzionali ed esteticamente piacevoli.

Ascolta la tua casa

Per iniziare ti racconto  come affronto io l’inizio del nuovo anno all’interno degli spazi di casa.

Durante le feste di Natale, cerco di ritagliarmi dei giorni interi da dedicare alla mia famiglia e alla nostra vita in casa. Mi piace osservare con cura tutti gli ambienti, valutare l’efficacia di alcune disposizioni e la funzionalità di alcuni arredi. Mi piace ragionare insieme al mio compagno su come le nostre esigenze cambiano ogni anno e come in questi mesi possiamo intervenire per andare a soddisfarle.

Partiamo sognando in grande e poi apriamo il catalogo Ikea e magicamente troviamo la soluzione ai nostri problemi. Certo la soluzione va pensate e studiata caso per caso o, per meglio dire, casa per casa, ma  se ti va oggi posso consigliarti alcuni arredi e/o complementi che ti possono aiutare a ottimizzare tutti gli spazi di casa senza tralasciare il lato estetico, che per quest anno deve rispondere ad uno stile molto ben definito.

Se ti interessa saperne di più leggi l’intervista che ho realizzato per il Blog di Pronto Pro parla proprio di questo e non solo.

Fai spazio in casa:  salotto

Soggiorno arredato con mobili Ikea che organizzano lo spazio

Ambientazione Ikea

Il soggiorno è l’ambiente che vivo con più gioia e spensieratezza in assoluto, è l’ambiente che mi vede “spalmata” sul divano a leggermi un bel libro o intorno alla tavola apparecchiata pronta ad ospitare famiglia e amici. In questa stanza raccolgo pensieri, emozioni, idee e mi piace dar loro vita attraverso gli arredi che la completano.

  1. Tavolino Kvistbro perfetto per contenere tutti quegli oggetti che ci aiutano a vivere in completo relax la nostra stanza, come coperte, cuscini, riviste. Il colore bianco è neutro e può accordarsi con tutto e le forme geometriche della struttura seguono i dettami della tendenza casa 2018. Lo consiglio a chi vuole avere sempre a portata di mano il suo plaid, tipo coperta di Linus, o a chi desidera tenere in modo ordinato le riviste della settimana.
  2. Vallentuna divano componibile. Le varianti colore sono infinite e tutte assolutamente di moda. Io personalmente adoro il Murum beige e Hillared verde e ovviamente l’intramontabile Hillared grigio scuro. Le soluzioni di composizione vanno a rispondere a tutte le ipotetiche situazioni in cui ti puoi trovare; con contenitore, divano letto, 1 posto, 2 posti, c’è l’imbarazzo della scelta!
  3. Ivar mobile. Mi sono trovata a consigliarlo nel progetto di un salotto che voleva nascondere alcuni elementi poco gradevoli alla vista, come scanner e fax, e questo mobile da fissare a parete era l’unico ad avere una profondità tale da non essere troppo invadente all’interno dello spazio ma perfetto per contenere questi oggetti voluminosi. Per quanto mi riguarda ti consiglio di verniciarlo, il legno è abbastanza grezzo e se riesci a procurarti una pistola a spruzzo elettrica come queste che ho trovato su Amazon,  puoi ottenere ottimi risultati.

Fai spazio in casa: ingresso

Nel 2017 la mia casa non possedeva affatto un ingresso, trattandosi di una mansarda l’accesso all’appartamento era molto scomodo e la porta apriva direttamente sul living. Così la scorsa estate abbiamo deciso di procedere con un intervento che ci ha permesso di creare un nuovo accesso alla casa. Durante le feste abbiamo terminato i lavori e il nostro nuovo ingresso ha preso vita.

Promesso che appena finisco di fare l’orlo alle tende ti giro una foto del progetto finito ma nel frattempo ti racconto cosa ho utilizzato per arredarlo:

  1. Il mobile che ho acquistato per definire lo stile della stanza è Veberod una panca su ruote dotata di due cassetti molto comodi. In uno vado a riporre  berretti, guanti e sciarpe, nell’altro tutti gli accessori utili alla scarpiera vicina, calzascarpe, lucidascarpe, stringhe di scorta. Possiede anche un vano bello grande dove ho sistemato un contenitore Drona per mettere tutte le nostre ciabatte, che ti assicuro ne abbiamo tante! Se non ti piace la panca c’è la versione paravento, si chiama sempre Veberod e per descriverlo in un’unica parola ti dico solo FANTASTICO!
  2. Jansjo lampada da terra. Estremamente minimal è così sottile che può essere posizionata ovunque, ovviamente nelle vicinanze di una presa. Te la consiglio se hai bisogno di creare un piccolo punto luce in corrispondenza del mobile all’ingresso. E’ una luce molto soft che può quindi essere lasciata accesa senza creare fastidio e può illuminare le cose che ti serve ricordare prima di uscire, ad esempio chiavi dell’auto o borsa.

Fai spazio in casa: bagno

Molto spesso mi trovo a pensare che il bagno sia la stanza più difficile da organizzare. I prodotti sono tanti e di genere diverso e lo spazio a disposizione è davvero ridotto, in molti casi quasi inesistente.

I prodotti non sono mai belli da vedere e hanno forme e dimensioni così diverse tra di loro che il disordine regna ovunque sovrano. Bene i contenitori sono l’unico strumento che ti aiuta a raccogliere tutto quello di cui hai bisogno ma a mio avviso ci sono anche altri complementi in grado di aiutarti, vediamone alcuni:

  1. Cassettone estraibile con piano antiscivolo della Birex collezione Acqua e Sapone. Ultimamente mi sono avvicinata così tanto al mondo dei piccoli e alle loro quotidiane conquiste  che appena vedo un arredo pratico e funzionale in grado di aiutarli, beh mi sciolgo. Questo cassettone è fantastico, oltre ad essere un pratico contenitore utile a noi grandi funge anche da alzata per i bimbi che non arrivano al lavello. Così facendo possiamo eliminare lo sgabello scomodo a tutti (ammettilo che è sempre in mezzo ai piedi) e posizionare qualcosa che aiuta il piccolo di casa e allo stesso tempo contiene.
  2. Sempre della Birex la griglia attrezzata a soffitto, per stendere i panni bagnati. Appena l’ho vista mi si sono illuminati gli occhi e ho cercato di convincere Cri a metterne una in bagno da noi. La cosa fantastica è che non occupa spazio perché è posizionata ad un’altezza in cui non ci da fastidio e volendo si possono anche appendere delle piante, per dare quel tocco green anche al bagno. Se l’idea del soffitto non ti ispira molto puoi optare per un’altra soluzione quello dello stendibiancheria a parete. Ti consiglio il modello Keldy della Foppapedretti che è in vendita su Amazon.
  3. Il divisorio per ripiano dell’Ikea Variera. Da quando l’ho acquistato non c’è stato mai un momento in cui io mi sia pentita, invece mi sono ritrovata a comprarne altre svariate confezioni perché ho deciso di utilizzarlo anche in cucina e nel mio magazzino in ufficio. In bagno ti consiglio di utilizzarlo per creare due diversi piani di appoggio. Ad esempio io ho un sottolavello molto alto, e lo spazio nella parte alta era completamente inutilizzato, così facendo ho creato due livelli di piano sul quale adagiare i miei prodotti raccolti a gruppo. Esiste anche il modello grande il doppio, ma questo te lo consiglio per la cucina, dove hai bisogno di riporre i piatti senza fare delle pile altissime che solo guardandole danno l’idea di essere molto fragili.

Se hai deciso di comprare uno o più di questi articoli fammelo sapere perché sai che sono curiosa, oppure se hai voglia fammi sapere cosa usi per fare spazio in casa tu.

Che ne dici se per il prossimo articolo parliamo delle stanze di cui non ho fatto cenno, cucina e camera da letto? Fammelo sapere nei commenti.

 

Il mio primo anno da mamma freelance, 8 consigli per (soprav)vivere alla grande

Il mio primo anno da mamma freelance, 8 consigli per (soprav)vivere alla grande

Consigli per organizzare la vita di una mamma freelanceUna vita da mamma freelance

Il 2017 per me è stato il mio primo anno da mamma freelance e voglio parlarne a cuore aperto, di questa esperienza che più di tutte mi ha cambiato nel mio modo di essere e di pensare.

Quello che posso dire è che non è stato per niente un anno facile, ho affrontato tutte le mie paura a pieno, senza filtri, senza maschere; mi sono ritrovata ad affrontarle una dietro l’altra, erano lì pronte ad aspettarmi. Solo che loro non sapevano che insieme a me c’era la mia piccola a darmi forza, giorno dopo giorno. E quando sono stata in grado di affrontarle, ho capito quanto sono fortunata. Ho capito quanto amo il mio lavoro, la mia professione, la mia attività e quanto amo Emma, la sua presenza, le sue richieste, ma soprattutto i suoi sorrisi.

Capire chi sei e dove vuoi andare

Se i primi tempi sono stati durissimi, beh, dopo, è stata tutta in discesa. Tutto ha iniziato ad incastrarsi alla perfezione, a volte spingendo un po’, altre volte senza il minimo sforzo, ma comunque tutto ha trovato il suo posto, una sua dimensione e io ho imparato a muovermi in questo insieme di nuove dimensioni. E ho imparato una cosa ancora più grande, che devo dire grazie a Emma. Grazie perché questa piccola pulce è più forte di ciò che avessi mai immaginato, è stata in grado di farmi capire ciò che forse in trentanni mai avevo annusato. E’stata in grado di rendermi più sicura, di farmi apprezzare ancora di più le gioie della vita e tutto questo in soli 8 mesi.

Sembra scontato ma oggi devo dire grazie a lei se ho capito veramente chi sono e dove voglio andare.

4 consigli per vivere serenamente la tua vita da mamma freelance

Oggi voglio darti qualche consiglio che forse troverai scontato, banale o ripetitivo, ma fidati, ci sarà un momento in cui non saprai dove sbattere la testa, e io vorrei aiutarti proprio in quel momento a ritrovare la grinta che ti consente di portare avanti tutto, con il sorriso stampato sulle labbra.

  • La tua indipendenza ritorna, certo che ritorna. Forse è l’aspetto con il quale ho fatto più fatica a convivere. Abituata da anni ormai a gestire da sola ogni mio singolo movimento, ad organizzare ogni ora e a riempire ogni giornata con spostamenti, attività e tanto altro, all’improvviso tutto cambia. All’improvviso non sei più sola, devi rendere conto di tutto ciò che fai a qualcun altro, a qualcun altro che conta su di te 24 ore su 24. Perciò non vergognarti se ti senti costretta in questo, non preoccuparti se non vedi l’ora di staccare anche solo 2 ore da tutto questo, non preoccuparti se non vedi l’ora di riprendere la tua attività perché è normale. Tu sei normale e ciò che provi è normale. Vedrai che man mano che passano i giorni tutto cambia più veloce di quanto tu ti aspetti e la tua indipendenza torna, forse in modo diverso, ma di sicuro torna prima che te lo immagini.

 

  • No al senso di colpa! Parliamoci perché lo so, è una brutta bestia ma non deve assolutamente fare parte della tua vita! Tassativo, su questo non transigo, scaccialo via, non farlo neanche emergere, perché quando arriva rovina tutto. Ricorda non c’è un giusto o sbagliato quando si fa la mamma, ci sei solo tu e lei. Ci sei tu con il tuo amore per lei, e c’è lei con la sua visione di te. Non esiste un’ideale di mamma perfetta, la mamma perfetta sei tu per la tua piccola/o. Non giudicare il tuo modo di essere mamma, perché ognuno di noi è diverso e ognuno di noi trova il suo modo per essere mamma, e ti assicuro che va sempre bene!

 

  • Non importa quanto tempo trascorri con lei/lui, l’importante è la qualità. Quanto è vera questa frase? Tantissimo! Fin dall’inizio la mia preoccupazione più grande era quella di lasciare Emma con le nonne per poter lavorare qualche ora al giorno. Passavo intere ore a programmare e organizzare tutto ma avevo sempre questa sensazione che non so spiegare, era quasi una sensazione di fallimento, sì esatto, di fallimento. Mi vedevo impossibilitata a portare avanti la mia attività perché dovevo stare con Emma, e se mi dedicavo qualche ora al lavoro mi sentivo in colpa. E’stata mia madre, un giorno, a farmi capire che la felicità non dipende dalla quantità del tempo che passi con il tuo piccolo/a ma è la qualità. Da quel giorno ho vissuto tutto più serenamente, e ogni volta che torno a casa mi carico di energie e vivo quelle ore come se dovessero essere le più belle per Emma.

 

  • Santo riposo. Bene qui posso dire di averlo capito molto tardi ma a te posso consigliarlo subito. Dormi, dormi e poi ancora dormi. Quando lei riposa approfittane anche tu perché la cosa del “…adesso che dorme ne approfitto e lavoro un po’, per riposare c’è tempo dopo, quando lei dorme di nuovo…” buuuaaahh qui mi scappa una risata. Su questa filosofia ho basato i primi due mesi di Emma e ti posso assicurare che il dopo non viene mai, stranamente lei non dorme dopo e tu arrivi a strisciare per terra perché non stai più in piedi. Fidati, riposati quando senti di essere stanca, fallo! Dopo potresti non averne l’occasione!

Cosa non può mancare per organizzare la tua vita con il sorriso

  • Sarò scontata, sarò banale ma le to do list nei primi mesi, ma anche e soprattutto dopo, sono il tuo personale salvagente in mezzo ad un mare in tempesta! Fanne centinaia, compilane mille ma falle ti aiuteranno a tenere tutto a mente, perché non so a te, ma io in gravidanza ho perso circa la metà della mia memoria e ti assicuro che prima ne avevo in abbondanza. Se può esserti d’aiuto puoi scaricare quella che ho creato io per organizzare vita privata TO DO LIST CASA GIORNALIERA e lavoro TO DO LIST UFFICIO GIORNALIERA, spero possano essere utili anche a te!

 

  • Un account Amazon Prime! Ebbene sì l’attività preferita di una mamma freelance alle prese con la sua nuova quotidianità è lo shopping online. Non ti stupire se il corriere suona alla tua porta ogni giorno, fidati è normale, ci siamo passate tutte quante! Tornata dall’ospedale a malapena ricordi come ti chiami, ma dopo qualche giorno avresti voglia di fare, sbrigare, vedere ma…piccolo dettaglio, hai qualcuno che richiede la tua attenzione, o per meglio dire, il tuo seno, 24 ore su 24. Bene in questo caso aiutati con il cuscino dell’allattamento e datti alla pazza gioia, applicazione di Amazon salvaci!

 

  • Una fascia porta bebè. Non puoi capire quanto può esserti d’aiuto! Puoi fare davvero di tutto e avere sempre con te la tua piccola/o. Puoi dedicarti alle faccende di casa, andare a fare la spesa, lavorare al computer o andare in ufficio a fare qualche lavoro. Io ho utilizzato la fascia elastica di Quarantasettimane e quando Emma ha compiuto 6 mesi sono passata al marsupio ergonomico Buzzidil. Posso dirti solo una cosa, il momento in cui la indossi forse è il momento più bello della giornata, perché ti senti libera di muoverti e di fare ciò che più ti piace tenendo sempre con te, vicino al tuo cuore, la tua dolce metà.

 

  • Un cd con la musica che ti fa ballare! Mai nella mia vita, così come nei primi mesi di vita di Emma ho amato tanto la musica. Indossavo spesso in casa la fascia porta bebè, accendevo la tv sul canale di MTV Music e via, ballavo e cantavo a squarciagola. Mi divertivo così tanto che Emma sentendomi così rilassata cadeva in un sonno profondo e mi seguiva nei movimenti più assurdi. Prova anche tu, ti aiuta a scaricare tutta la tensione che puoi aver accumulato, la stanchezza, le preoccupazioni. Comprati il cd con la tua canzone preferita e balla come se fossi una bambina nella sua cameretta. Libera la testa da tutti i pensieri e ridi, ridi a squarciagola perché in quel momento puoi tornare a sentirti una bimba anche tu! Vuoi sapere cosa ascoltavamo io e Emma a tutto volume? Levante e tutto il suo cd, ma la nostra canzone preferita era “Sei un pezzo di me“.

Ho deciso di raccontarti tutto questo per cercare di darti una mano nel momento forse più difficile della tua vita. E’ un momento in cui tutto si mette in discussione e in cui forse ti sentirai anche un po’ sola, ma proprio per questo ho voluto scrivere questo articolo, per farti capire che non sei l’unica a provare queste emozioni e a vivere queste sensazioni.

Spero che i miei consigli possano aiutarti o anche solo farti sorridere. Se vuoi raccontarmi la tua esperienza o qualche consiglio che senti di voler condividere, scrivimi nei commenti sarò felicissima di leggerlo :)

 

Open Day Spazio-14: la nuova casa ufficio apre le porte a Biella

Qualche tempo fa vi avevo annunciato la nascita di un nuovo progetto: il mio nuovo ufficio.

Oggi è diventato qualcosa di più completo e concreto: finalmente la casa ufficio che sognavo da anni per me e soprattutto per tutti voi è pronta e apre le porte con un evento molto, molto speciale.

Open Day Spazio-14: il 28 ottobre venite a scoprire la nuova casa ufficio a Biella

Open Day Spazio-14 Biella

Spazio-14 è la vostra casa ufficio: cioè?

All’interno di Spazio-14 ci sono 3 sale adibite a diversi utilizzi ed ognuna può essere affittata ad ore, a giornata o anche per mesi interi, a seconda delle vostre esigenze. Un ambiente accogliente, proprio come una casa, perfetto per liberi professionisti ma non solo; si presta perfettamente anche per organizzare eventi o riunioni e presentazioni, ma anche laboratori creativi.

Sarò felice di mostrarvi lo studio, il salotto con le postazioni mobili e la sala corsi in occasione della giornata d’inaugurazione che si terrà Sabato 28 ottobre: ad accogliervi ci saranno laboratori creativi, musica dal vivo, merende biologiche e ovviamente anche la mia piccola Emma! ;)

Salotto e postazioni mobili

Il programma dell’Open Day Spazio-14

 

Ore 10.30-11.30: corso di pattern grafici con la Pattern Designer Letizia Vellar

 

Ore 15.00-17.00: corso “Impariamo a fare la carta” con Marzia Filippi di Sognoametista

 

Ore 16.00-18.00: merenda biologica per tutti con Eugenia e le amiche di Merende Diverse

 

Ore 17.00-19.00: musica dal vivo con il gruppo musicale Poison Ink (Cristian Paniccia e Claudio Zerbo).

L’ingresso è gratuito!

Letizia VellarMarzia Filippi – Merende Diverse

In più, una sorpresa per tutti i partecipanti

10% di sconto sulla prenotazione di una sala o di una postazione mobile all’interno di Spazio-14 entro il 30 novembre per tutti i partecipanti all’Open Day. Per riceverlo lasciatemi la vostra email prima di andare via! ;)

 

sala corsi Spazio-14

 

Dove e a che ora è l’Open Day?

Vi aspetto con tanta gioia ed emozione Sabato 28 ottobre dalle ore 10.00 alle 19.00 in Via Santa Maria di Campagnate 14 a Biella!

Per qualsiasi domanda o informazione chiamatemi al numero 3295427376 oppure scrivetemi un’email a info@arredaconsara.com.

Sarò felice di farvi conoscere la vostra nuova casa ufficio!

4 libri per rispondere alle vostre curiosità sull’interior design

Molti di voi mi chiedono da dove traggo ispirazione il più delle volte, e io rispondo sempre così, ovviamente dai miei libri. Sono loro a farmi sognare e a farmi immaginare; per quanto mi riguarda la carta esercita su di me un fantastico potere, quello di emozionarmi sempre e comunque.

Libri e riviste per me non sono mai abbastanza, li scovo in giro durante i miei viaggi, durante le mie giornate di shopping oppure in occasioni di grandi fiere del settore, dove le bancarelle dei libri sono sempre ben rifornite!

Oggi vi voglio raccontare di quelle letture che mi hanno aiutato a trovare la mia strada, che mi hanno appassionato, che mi hanno fatto credere che tutto è possibile e che mi hanno fatto capire quanto il mio lavoro sia parte di me. Sono letture che spero possano tornare utili a chi ha deciso di intraprendere questo mestiere o chi ha semplicemente deciso di mettere mano agli spazi della propria casa.

Postazioni lavoro e sale riunioni, vi presento il mio nuovo ufficio a vostra completa disposizione

Siete in cerca di uno spazio lavorativo immerso in un contesto creativo? Oppure avete bisogno di un ambiente attrezzato che possa ospitare voi e i vostri clienti per un meeting? O per lo svolgimento di un corso?

Scoprite insieme a me gli spazi rinnovati del mio nuovo ufficio, in Via Santa Maria di Campagnate 14, all’occorrenza sapranno esservi d’aiuto!

Via Santa Maria di Campagnate, un contesto industriale

La prima volta che ho visto questo spazio, un ambiente tranquillo e spazioso, posizionato al piano primo di una palazzina che ospita un’azienda di serramenti, era ridotto davvero male e il suo affitto, non aveva attirato l’attenzione di nessuno. Impianto di riscaldamento, serramenti, intonaco…tutto era da ripristinare e intravedere un risultato finale gradevole, pareva difficile a tutti. Ma, c’è sempre un ma con me, dato che mi piace immaginare e sognare alla vista di uno spazio vuoto, da personalizzare, ho iniziato a fantasticare su come avrei potuto sistemarlo.

Il mio regalo per Emma, una cameretta da sogno!

Nessun libro potrà mai descrivere al meglio ciò che si prova nel diventare madre, e vi assicuro che di libri ne ho letti tanti. Riviste, incontri, siti internet, discussioni online…ma niente, nulla è stato in grado di prepararmi a ciò che avrei vissuto.

Ho avuto modo di mettermi in discussione più volte in questi anni, in quanto donna, in quanto compagna, amica, figlia, sorella e professionista. Ma ogni volta ho sempre creduto che l’esperienza mi avrebbe segnato per sempre, facendomi crescere, rendendomi più sicura e fiera di me stessa. Ogni volta ho sempre pensato:”ok, questa volta è tosta, ne verrò fuori?”.

Fino a che non ho scoperto che sarebbe arrivata Emma a riempire le nostre giornate, una piccola vita che avrebbe visto in me, la folle e iperattiva Sara, tutto il suo mondo, il suo punto di riferimento, la sua certezza e la sua forza.

Ed è proprio grazie a lei che ho rimesso nuovamente in discussione tutto, in un sali e scendi continuo di emozioni che mi hanno travolta in questi nove mesi appena trascorsi.

Come ho rinnovato casa

Non so perché, ma alla notizia dell’arrivo di una minitata nella nostra famiglia, ho subito pensato a come rendere piacevole e accogliente il nostro rifugio casa. (direi che la mia è proprio una fissa, povero Cri e a questo punto povera anche Emma!)

Ho pensato fin da subito che il meglio che potessi darle era un posticino caldo ed accogliente, uno spazio dove potermi raccogliere insieme a lei negli anni futuri, uno spazio dove pian piano avremmo imparato a conoscerci, a capirci e ad amarci.

Bene, di una cosa ero sicura, avrei regalato ad Emma un posto unico nel quale poter vivere con la sua famiglia, che non è composta solo da me e Cri, ma anche da Milla e Mou, le nostre gattine che ci hanno seguito da Torino a Biella. (dunque voi penserete povere anche loro a sopportare una matta come me!)

Dai ora curiosate insieme a me gli ambienti di casa; vi mostro come ho deciso di allestire gli spazi ai quali ancora non avevo messo mano!

Tendenze casa primavera 2017: colori e novità

Arriva la primavera e con lei anche la voglia di rinnovare la propria casa e di portare un pò di natura e colori tra le mura domestiche. Ma quali saranno le tendenze di quest’anno?

Vediamo subito insieme tutto ciò che questo 2017 ci ha riservato, tante nuance cariche, accese, vitali ed un forte richiamo al fresco, al verde, per allontanare lo stress e recuperare le energie.

Non perdiamo tempo e scopriamo insieme quali sono i 10 colori scelti da Pantone per la primavera/estate in arrivo.

7 piante per portare la natura nel vostro ufficio

Tanti di noi trascorrono gran parte della giornata seduti alla scrivania all’interno dell’ufficio, tra stress, documenti e ritmi incalzanti. Per me è quindi fondamentale creare un ambiente di lavoro sereno, positivo dove in qualche modo ci si possa sentire a proprio agio, come all’interno della propria casa.

Come farlo? In nostro aiuto, per fortuna, ci sono le cosiddette “piante da ufficio”, specifiche per gli ambienti lavorativi e con specifiche caratteristiche.

È stato dimostrato scientificamente che le piante “da ufficio” migliorano l’umore, incrementano la concentrazione e quindi la produttività, abbassano i livelli dello stress ed in ultimo, non meno importante, purificano l’aria.

Un tocca sana anche per gli occhi, se si passano tante ore davanti allo schermo del pc è consigliato cambiare l’orientamento dello sguardo verso l’angolo verde dell’ufficio così da permettere agli occhi di regolare la rimessa a fuoco, riducendo il livello di stanchezza e affaticamento della vista.

E per chi lavora in un ambiente con tante persone? Sappiate che aumenta anche la socializzazione interpersonale.

Siete curiosi di scoprire quali sono le piante più adatte per i vostri spazi?  Non perdetevi il resto dell’articolo. :)

Un bed and breakfast da favola: le Ali.

In questo secondo appuntamento della mia nuova rubrica “Il salotto di Sara”, voglio fare due chiacchiere con voi e parlarvi di un posto molto speciale, nel cuore del Trentino, precisamente a Brenta.

È stato amore a prima vista quello con il Bed and Breakfast Le Ali di Marina, un posto davvero incantevole in cui la cura e la passione della proprietaria si rivelano in ogni piccolo dettaglio! Un’atmosfera unica quasi magica, dove l’accogliente stile shabby la fa da padrone.

La vicinanza a luoghi come Levico Terme, Trento e Bolzano, rende la struttura perfetta come punto d’appoggio durante un week end di vacanza.